Giuseppe Campos Venuti (1926-2019)

È venuto a mancare Giuseppe Campos Venuti, figura centrale per l’urbanistica italiana. Generazioni di studenti e professionisti hanno studiato sui suoi libri e analizzato il suo lavoro, sia come urbanista, sia come amministratore. Particolarmente impressa nella memoria collettiva — non solo degli addetti ai lavori — è rimasta la “svolta urbanistica” della Bologna degli anni sessanta che, come ricorda il sindaco della città, “ancora oggi la rendono una città differente, una città migliore” perché ha saputo coniugare in chiave riformista la salvaguardia dei centri storici e del paesaggio con le esigenze di una città contemporanea, che è fatta anche di edilizia popolare. Decisivo il suo contributo in campo accademico, a Milano e in altre università italiane, europee e internazionali. Come presidente dell’INU (Istituto Nazionale di Urbanistica), ha inoltre determinato una completa riorganizzazione dell’istituto.

Bologna, 26 settembre 2019. È venuto a mancare Giuseppe Campos Venuti, figura centrale per l’urbanistica italiana. Generazioni di studenti e professionisti hanno studiato sui suoi libri e analizzato il suo lavoro, sia come urbanista, sia come amministratore. Particolarmente impressa nella memoria collettiva — non solo degli addetti ai lavori — è rimasta la “svolta urbanistica” della Bologna degli anni sessanta che, come ricorda il sindaco della città, “ancora oggi la rendono una città differente, una città migliore” perché ha saputo coniugare in chiave riformista la salvaguardia dei centri storici e del paesaggio con le esigenze di una città contemporanea, che è fatta anche di edilizia popolare. Decisivo il suo contributo in campo accademico, a Milano e in altre università italiane, europee e internazionali. Come presidente dell’INU (Istituto Nazionale di Urbanistica), ha inoltre determinato una completa riorganizzazione dell’istituto.

(foto: Comune di Bologna)