Bandi e concorsi

Gruppo Ferrovie dello Stato italiane cerca urbanisti

Roma, 22 febbraio 2021. Il Gruppo Ferrovie dello Stato italiane annuncia, attraverso il proprio portale web di reclutamento, la volontà di assumere degli urbanisti a tempo indeterminato, da inserire da inserire in RFI S.p.A. per la Direzione Stazioni – Asset Advisoring e Sviluppo Servizi con sede a Roma. Incoraggiamo tutti i colleghi a inviare il proprio curriculum per la candidatura. Il settore delle reti ferroviarie è di centrale importanza per un corretto sviluppo del territorio. Scadenza: 4 marzo 2021. Abbiamo rilevato — e fatto notare al Gruppo FS con nostra nota — che il titolo di studio richiesto nell’annuncio non corrisponde a quello degli urbanisti e pianificatori territoriali e ambientali. Siamo però fiduciosi che il Gruppo FS correggerà l’errore, riformulando l’annuncio o perlomeno accettando tutte le richieste provenienti da laureati in urbanistica e denominazioni successive del vecchio e del nuovo ordinamento. Per candidarsi occorre seguire una delle procedure online offerte a pire dalla seguente pagina web: https://fscareers.gruppofs.it/job/view-job.php?id=2031

Roma, 22 febbraio 2021. Il Gruppo Ferrovie dello Stato italiane annuncia, attraverso il proprio portale web di reclutamento, la volontà di assumere degli urbanisti a tempo indeterminato, da inserire in RFI S.p.A. per la Direzione Stazioni – Asset Advisoring e Sviluppo Servizi con sede a Roma. Incoraggiamo tutti i colleghi a inviare il proprio curriculum per la candidatura. Il settore delle reti ferroviarie è di centrale importanza per un corretto sviluppo del territorio. Scadenza: 4 marzo 2021.

Leggi tutto

Politecnico di Milano – Assegno di ricerca

Milano, 20 gennaio 2021. Il Politecnico di Milano ha pubblicato una procedura di selezione pubblica per il conferimento di un assegno di ricerca a tempo determinato nell’ambito del Laboratorio di Simulazione Urbana “Fausto Curti” presso il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani.  Titolo della ricerca: “UIA AIR BREAK: Percorsi di co-creazione per la sostenibilità ambientale urbana. Migliorare la qualità dell’aria in città mediante l’ingaggio dei cittadini”.  Oggetto della ricerca: progettazione e realizzazione di percorsi di co-creazione per il progetto AIR BREAK, che mira a coinvolgere cittadini e gruppi di interesse locali per contribuire alla sfida del miglioramento della qualità dell’aria in città attraverso cambiamenti comportamentali e soluzioni urbane.  Luogo della ricerca: il lavoro si svolgerà principalmente presso il Laboratorio di Simulazione Urbana “Fausto Curti” e in remoto, secondo le prescrizioni di legge in caso di contingenza sanitaria. Le attività di co-creazione si svolgeranno a Ferrara, caso applicativo del progetto UIA AIR BREAK. Questo comporterà una serie di trasferte in giornata o di due giorni.  La partecipazione alla selezione, oltre ad altri profili disciplinari (Design, Architettura, Ingegneria Edile), in considerazione della prevalente tematica oggetto di ricerca, è aperta a coloro che sono in possesso del titolo di Dottore di ricerca o della Laurea magistrale in Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale appartenente (classe LM-48). Per maggiore dettaglio si rinvia all’articolo 3 “Requisiti di partecipazione” riportati nel Bando.  Area: 08 – Ingegneria civile ed Architettura Settore scientifico disciplinare: ICAR/20 – Tecnica e pianificazione urbanistica. Scadenza: 22 febbraio 2021, ore 24:00 Durata del contratto: 12 anni Data presunta di inizio dell’attività: 1º aprile 2021  Link e documenti da scaricare:  Bando; Pagina dedicata sul sito Internet del Politecnico di Milano.

Milano, 20 gennaio 2021. Il Politecnico di Milano ha pubblicato una procedura di selezione pubblica per il conferimento di un assegno di ricerca a tempo determinato nell’ambito del Laboratorio di Simulazione Urbana “Fausto Curti” presso il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani.

Titolo della ricerca: “UIA AIR BREAK: Percorsi di co-creazione per la sostenibilità ambientale urbana. Migliorare la qualità dell’aria in città mediante l’ingaggio dei cittadini”.

Leggi tutto

Calenzano FI – Assunzione di un/a laureato/a in pianificazione

Calenzano FI, 22 dicembre 2020. Il Comune di Calenzano, nella Città metropolitana di Firenze, ha pubblicato un bando per l’assunzione a tempo determinato e a tempo pieno di un laureato o una laureata triennale o magistrale in pianificazione territoriale (classi L-21 o LM-48 o precedenti classi 7 o 54/S o lauree vecchio ordinamento in Urbanistica, PTU o PTUA) per ricoprire il profilo di specialista in attività tecniche e progettuali — categoria giuridica D, posizione economica D1 — presso l’area Pianificazione urbanistica. Scadenza: 14 febbraio 2021, ore 24:00. Si prevede la stipula di un contratto di formazione lavoro di due anni con la prospettiva, sebbene non garantita, di una sua successiva trasformazione in rapporto di lavoro a tempo indeterminato. Con questo bando, l’ASSURB si trova per la seconda volta in tre mesi a sottolineare il lavoro positivo di un ente territoriale della Toscana in materia di procedure di evidenza pubblica per incarichi professionali inerenti alla pianificazione territoriale.  Attraverso il bando qui presentato — con particolare riferimento al progetto per lo svolgimento delle attività citato nelle premesse del bando — l’amministrazione comunale di Calenzano riconosce correttamente la pianificazione territoriale come disciplina e settore amministrativo distinto da quello dell’edilizia, a cui è spesso ancora legato in altre realtà amministrative. Si tratta di un riconoscimento dovuto e necessario, che fa riferimento, sebbene implicitamente, al DPR 328/2001 che disciplina l’ordinamento della professione di pianificatore territoriale e definisce formalmente i titoli universitari citati sopra come caratterizzanti la nostra professione.  Se oggi possiamo guardare con soddisfazione a queste realtà amministrative sempre più numerose, un certo merito va sicuramente alla tenacia con cui, attraverso gli anni, l’ASSURB — Associazione nazionale degli urbanisti e dei pianificatori territoriali e ambientali — ha svolto e svolge tuttora il proprio lavoro, procedendo a diffide ogniqualvolta da una bando venivano esclusi gli urbanisti, assumendosi in alcune situazioni anche l’onere di procedere a ricorsi o difese dinanzi la giustizia amministrativa. Un importante ruolo nel riconoscimento della professione in Toscana ha chiaramente giocato anche l’Università di Firenze, dove è attivo un corso di laurea in pianificazione territoriale fin dal 2001.  Qui i due documenti citati nel testo:  Testo del bando del 22 dicembre 2020 con scadenza 14 febbraio 2021, ore 24:00; Progetto per lo svolgimento di attività di formazione e lavoro del 27 novembre 2020, approvato dall’ARTI (Agenzia regionale toscana per l’impiego) il 3 dicembre 2020. Il bando può anche essere scaricato dalla pagina dedicata del sito Internet del Comune di Calenzano.

Calenzano FI, 22 dicembre 2020. Il Comune di Calenzano, nella Città metropolitana di Firenze, ha pubblicato un bando per l’assunzione a tempo determinato e a tempo pieno di un laureato o una laureata triennale o magistrale in pianificazione territoriale (classi L-21 o LM-48 o precedenti classi 7 o 54/S o lauree vecchio ordinamento in Urbanistica, PTU o PTUA) per ricoprire il profilo di specialista in attività tecniche e progettuali — categoria giuridica D, posizione economica D1 — presso l’area Pianificazione urbanistica. Scadenza: 14 febbraio 2021, ore 24:00. Si prevede la stipula di un contratto di formazione lavoro di due anni con la prospettiva, sebbene non garantita, di una sua successiva trasformazione in rapporto di lavoro a tempo indeterminato. Con questo bando, l’ASSURB si trova per la seconda volta in tre mesi a sottolineare il lavoro positivo di un ente territoriale della Toscana in materia di procedure di evidenza pubblica per incarichi professionali inerenti alla pianificazione territoriale.

Leggi tutto

Campagna Lupia VE – Concorso di idee

Campagna Lupia VE, 30 dicembre 2020. L’amministrazione comunale di Campagna Lupia, nella Città metropolitana di Venezia, ha indetto un concorso di idee per la riqualificazione urbana della nuova piazza della frazione di Lova, con scadenza 15 febbraio 2021, ore 12:00. Nella versione originale del bando, il concorso risultava essere aperto — come troppo spesso continua a succedere ancora oggi — ai soli architetti e ingegneri, “dimenticando” gli urbanisti e pianificatori territoriali che, invece, dovrebbero essere i primi destinatari di bandi per incarichi o concorsi di riqualificazione urbana. L’ASSURB, con lettera del 19 gennaio, ha fatto presente questa incongruenza al dirigente del settore lavori pubblici, richiamando l’oggetto dell’attività professionale degli iscritti alla sezione A, settore “pianificazione territoriale”, dell’albo degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, così come definito dal DPR 328/2001.  Ieri, 25 gennaio 2021, il dirigente interpellato ha risposto positivamente alla nostra richiesta di rettifica, specificando che “la partecipazione al sopracitato bando è aperta anche agli urbanisti – pianificatori territoriali iscritti al settore pianificazione territoriale, sezione A, dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori”.  Qui i tre documenti citati:  Bando del 30 dicembre 2020; Lettera dell’ASSURB del 19 gennaio 2021; Risposta a rettifica del 25 gennaio 2021. Il materiale completo del bando di concorso è disponibile nell’albo pretorio online del sito Internet istituzionale del Comune di Campagna Lupia all’indirizzo http://www.comune.campagnalupia.ve.it/c027002/mc/mc_p_dettaglio.php

Campagna Lupia VE, 30 dicembre 2020. L’amministrazione comunale di Campagna Lupia, nella Città metropolitana di Venezia, ha indetto un concorso di idee per la riqualificazione urbana della nuova piazza della frazione di Lova, con scadenza 15 febbraio 2021, ore 12:00. Nella versione originale del bando, il concorso risultava essere aperto genericamente ai soli architetti e ingegneri, senza specificazioni, “dimenticando” gli Urbanisti e pianificatori territoriali che, invece, dovrebbero essere i primi destinatari di bandi per incarichi o concorsi di riqualificazione territoriale, urbana, paesaggistica ed ambientale. L’ASSURB, con lettera del 19 gennaio, ha fatto presente questa svista al Responsabile del settore lavori pubblici, richiamando l’oggetto dell’attività professionale degli iscritti alla sezione A, settore “Pianificazione territoriale”, dell’Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, così come definito dalla normativa vigente, il D.P.R. n° 328/2001.

Leggi tutto

Piacenza – Procedura aperta per affidamento PUG

Piacenza, 29 dicembre 2020. Verso la riserva agli Urbanisti. Il comune di Piacenza ha indetto una gara per la redazione dello strumento urbanistico comunale: il Piano Urbanistico Generale (PUG). La parte interessante, per ASSURB, è la composizione del gruppo di lavoro richiesto. La figura del Pianificatore territoriale è nominata per tre volte (assieme ad architetti ed ingegneri):  a) per il Coordinamento del Gruppo, b) come Esperto del settore produttivo e terziario, c) come esperto in rigenerazione urbana.  Per l’esperto in materia ambientale il Pianificatore Territoriale è invece nominato come prima figura e unica all’interno dell’Ordine APPC. In secondo luogo è nominato l’ingegnere, il geologo, il biologo o l’agronomo. Ma per tutte le figure viene specificato “nei limiti e nel rispetto delle rispettive competenze professionali”. Ciò significa che l’unica figura che può fare il coordinamento è quella del Pianificatore Territoriale.  Il Bando esplicita la fonte di partenza per la scelta di tali esperti: il DPR 328/2001. La definizione del gruppo di lavoro fa chiaramente riferimento alla figura del Pianificatore Territoriale ancorché non in modo esclusivo o riservato. Mentre per la parte dell’esperto in materia ambientale l’unica figura che per il DPR 328/01 può coordinare oltre che redigere in autonomia la valutazione strategica è l’Urbanista. Come è stato decretato dalla Sentenza del TAR Toscana e come è stato ripreso e indicato dall’Ordine degli APPC in un apposito parere firmato dall’Ordine nazionale su richiesta dell’ordine di Pordenone.  Il richiamo al DPR è il frutto di una lunga battaglia che ASSURB sta portando avanti dal 2001, anno in cui è stato approvato. ASSURB si è sempre battuta affinchè il DPR fosse citato e applicato diffidando gli enti locali che non si “dimenticavano” di tale riferimento, addirittura non “accorgendosi” che l’ordine degli architetti originario della legge degli anni ’20 del secolo scorso era stato sostituito dall’attuale Ordine degli Architetti, dei Pianificatori Territoriali, dei Paesaggisti e dei Conservatori.  Il Bando non chiude però completamente il cerchio perché non distingue tra laureati vecchio ordinamento e laureati nuovo ordinamento. I primi possono esercitare la professione di urbanista per la legge pre-vigente. Infatti il DPR fa salvi i cd “diritti acquisiti”. I secondi quelli laureati dopo il 2001 invece possono esercitare la professione di urbanista solo se sono iscritti al Settore dei Pianificatori, cioè se hanno fatto e superato l’esame di Stato apposito come indicato dalla Costituzione. L’esame di Stato per pianificatore è infatti totalmente diverso da quello per architetto sia nelle prove scritte sia nella prova orale. Il pianificatore inoltre ha spesso anche partecipato ad un tirocinio durante il corso studiorum presso un ente locale o presso uno studio professionale. Speriamo che questa diversità sia colta dalla stazione appaltante e, soprattutto, dalla Commissione esaminatrice.  ESTRATTO  COMUNE DI PIACENZA Servizio Pianificazione Urbanistica e Ambientale  Procedura aperta per l’affidamento del servizio di redazione del Piano Urbanistico Generale (PUG) del Comune di Piacenza  (…)  Il gruppo di lavoro che sarà costituito dal concorrente, dovrà comprendere almeno le seguenti professionalità:  Esperto in materia urbanistica – pianificazione territoriale, per il Coordinatore del gruppo di lavoro: Iscrizione (ai sensi degli artt. 2, 3, 15 e 45 del D.P.R. N° 328/2001) alla Sezione A, settori “Architetto” e settore “Pianificazione territoriale” dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori o alla sezione A, settore “Ingegneria civile e ambientale” dell’Ordine degli Ingegneri. Esperto in materia urbanistica – pianificazione territoriale, con particolare riguardo allo sviluppo e alla riqualificazione del sistema produttivo e terziario (può eventualmente identificarsi nella figura professionale di cui al precedente punto 1: Iscrizione (ai sensi degli artt. 2, 3, 15 e 45 del D.P.R. N° 328/2001) alla Sezione A, settori “Architetto” e settore “Pianificazione territoriale” dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori o alla sezione A, settore “Ingegneria civile e ambientale” dell’Ordine degli Ingegneri. Esperto in rigenerazione urbana: Iscrizione (ai sensi degli artt. 2, 3, 15 e 45 del D.P.R. N° 328/2001) alla Sezione A, settori “Architetto” e settore “Pianificazione territoriale” o alla Sezione B – Settore “Pianificazione” dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori o alla sezione A, settore “Ingegneria civile e ambientale” dell’Ordine degli Ingegneri. Esperto in materia paesaggistica: Iscrizione (ai sensi degli artt. 2, 3, 11 e 15 del D.P.R. N° 328/2001) alla Sezione A ovvero alla sezione B – Settore A “Agronomo e Forestale” dell’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali oppure alla Sezione A” – settore “Paesaggistica” dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori. Esperto in materia ambientale: Iscrizione (ai sensi degli artt. 2, 3, 15, 30, 40, 45 D.P.R. N° 328/2001 e dell’art. 1 e segg. della L. 152/1992) alla Sezione A, settore “Pianificazione territoriale” dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori e/o alla Sezione A, dell’Ordine dei Biologi e/o alla Sezione A, dell’Ordine dei Geologi e/o alla sezione A, settore “Ingegneria civile e ambientale” e/o settore “Industriale” dell’Ordine degli Ingegneri e/o all’’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali; ognuno nei limiti e nel rispetto delle rispettive competenze professionali. (…)  Materiale:  Testo del disciplinare, da cui è tratto l’estratto riportato qui sopra; Pagina dedicata sul sito Internet del Comune di Piacenza con il bando, il disciplinare e tutto il materiale accessorio.

Piacenza, 29 dicembre 2020. Verso la riserva agli Urbanisti. Il comune di Piacenza ha indetto una gara per la redazione dello strumento urbanistico comunale: il Piano Urbanistico Generale (PUG). La parte interessante, per ASSURB, è la composizione del gruppo di lavoro richiesto. La figura del Pianificatore territoriale è nominata per tre volte (assieme ad architetti ed ingegneri):

a) per il Coordinamento del Gruppo,
b) come Esperto del settore produttivo e terziario,
c) come esperto in rigenerazione urbana.

Per l’esperto in materia ambientale il Pianificatore Territoriale è invece nominato come prima figura e unica all’interno dell’Ordine APPC. In secondo luogo è nominato l’ingegnere, il geologo, il biologo o l’agronomo. Ma per tutte le figure viene specificato “nei limiti e nel rispetto delle rispettive competenze professionali”. Ciò significa che l’unica figura che può fare il coordinamento è quella del Pianificatore Territoriale. La scadenza per la presentazione delle offerte è il 9 marzo 2021, ore 12:00.

Leggi tutto

Città Metropolitana di Napoli – Procedura aperta per affidamento PTM

Napoli, 30 dicembre 2020. Una Gara in cui gli urbanisti sono la prima figura richiesta.  Si tratta della gara per il Piano territoriale della Città metropolitana di Napoli. Le figure professionali richieste per i ruoli di coordinatore del piano e di coordinatore della VAS devono essere urbanisti / pianificatori territoriali iscritti all’albo APPC nel settore Pianificazione territoriale, come da DPR 328/2001. Non possono invece ricoprire tali ruoli gli architetti non iscritti al menzionato settore. Gli ingegneri devono aver optato per l’iscrizione al settore Ingegneria civile e ambientale.  Il ruolo di coordinatore della VAS può essere ricoperto, secondo il bando in questione, anche da ingegneri iscritti al settore Ingegneria industriale e da biologi, geologi, dottori agronomi e forestali, sempre se iscritti ai relativi albi professionali.  Estratto dal Capitolato d’appalto. Le figure richieste sono le seguenti:  “A – Esperto in materia urbanistica, pianificazione territoriale e rigenerazione urbana – Pianificatore territoriale e coordinatore del gruppo di lavoro:  Iscrizione (ai sensi degli artt. 2, 3, 15 e 45 del D.P.R. n. 328/2001) alla Sezione A, settore “Pianificazione territoriale” dell’Albo professionale dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, oppure alla Sezione A, settore “Ingegneria civile e ambientale” dell’Albo professionale dell’Ordine degli Ingegneri.  B – Esperto in materia ambientale – Responsabile del processo VAS/VIncA:  Iscrizione (ai sensi degli artt. 2, 3, 15, 30, 40, 45 D.P.R. n. 328/2001 e dell’art. 1 e segg. della L. 152/1992) alla Sezione A, settore “Pianificazione territoriale” dell’Albo professionale dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, oppure alla Sezione A, settore “Ingegneria civile e ambientale” o settore “Ingegneria industriale” dell’Albo professionale dell’Ordine degli Ingegneri, oppure all’Albo professionale dell’Ordine dei Biologi, oppure all’Albo professionale dell’Ordine dei Geologi, all’Albo professionale dell’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali.  Materiale:  Pagina dedicata sul sito Internet della Città metropolitana di Napoli con il bando, il disciplinare e tutto il materiale accessorio.

Napoli, 30 dicembre 2020. Una gara in cui gli urbanisti sono la prima figura richiesta.

Si tratta della gara per il Piano territoriale della Città metropolitana di Napoli. Le figure professionali richieste per i ruoli di coordinatore del piano e di coordinatore della VAS devono essere urbanisti / pianificatori territoriali iscritti all’albo APPC nel settore Pianificazione territoriale, come da DPR 328/2001. Non possono invece ricoprire tali ruoli gli architetti non iscritti al menzionato settore. Gli ingegneri devono aver optato per l’iscrizione al settore Ingegneria civile e ambientale.

Leggi tutto

  • 1
  • 2